Alt

Manovra 2021: sgravi contributivi per lavoro femminile e sportivi

il 17 Nov 2020 - 12:31 PM
17 Novembre, 2020 - 12:30

Tra le novità in discussione nella nuova legge di bilancio 2021 uno sgravio contributivo ad hoc per l'assunzione di donne ed uno per le associazioni sportive dilettantistiche.

La proposta della ministra Nunzia Catalfo per un nuovo sgravio contributivo dedicato esclusivamente alle donne trova spazio nell'ultima bozza della legge di bilancio 2021, approvata ieri in Consiglio dei ministri, all'art. 5.
Il lavoro femminile è  infatti fra i più  colpiti dalla crisi economica innescata dal Coronavirus con un crollo dell'occupazione pari al -2,4 per cento nell'ultimo anno e un aumento del tasso di inattività, +174mila persone , probabilmente scoraggiate dalla  necessità del lavoro di cura, sempre più accentuata in quest'epoca di lockdown, lavoro da sempre svolto al 90% dalle donne.
Si sta pensando  dunque di aumentare al 100% e prolungare   a tre anni l'esonero contributivo oggi in vigore, introdotto dalla legge Fornero pari  al 50% per 12 mesi, 18 mesi in determinate condizioni, per chi assume donne disoccupate al Sud (che non lavorano da almeno sei mesi) e lavoratrici disoccupate da almeno 24 mesi su tutto il territorio nazionale.
La ministra Catalfo  ha spiegato in un recente incontro che punta anche a utilizzare a favore delle donne parte delle risorse del  Recovery Fund. Si parla addirittura di 2,4 miliardi. La ministra del lavoro ha evidenziato che proprio le donne sono quelle impiegate in percentuale maggiore nei servizi e con contratti precari, quindi non salvaguardate dalla Cassa integrazione né dal blocco dei licenziamenti.   Il nuovo incentivo alle assunzioni rafforzato si affianca al Fondo per la formazione delle Casalinghe istituito dal Decreto Agosto e all'intenzione di creare ulteriori opportunità di formazione mirata in particolare per l’accesso delle ragazze alle discipline STEM Scientifiche e tecniche che ancora oggi riscuotono poco successo tra le donne mentre sono le competenze maggiormente richieste dall'attuale mercato del lavoro.

Inoltre, all' ART. 7.  è previsto invece un Esonero contributivo nel settore sportivo dilettantistico in attesa della riforma del lavoro sportivo.

Beneficiari federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti di promozione sportiva, associazioni e società sportive dilettantistiche, ai quali sarà  riconosciuto per gli anni 2021 e 2022 l’esonero dal versamento dei contributi previdenziali a loro carico nella misura del 60 per cento, con esclusione dei premi e contributi dovuti all’INAIL, relativamente ai rapporti di lavoro sportivo instaurati con atleti, allenatori, istruttori, direttori tecnici, direttori sportivi, preparatori atletici e direttori di gara. 

L’esonero dovrebbe essere cumulabile con altri esoneri o riduzioni delle aliquote di finanziamento previsti dalla normativa vigente, nei limiti della contribuzione previdenziale dovuta.